Prigionieri

Loading video
Michele dice che la guerra non l’ha vissuta ma l’ha subita. Appena arruolato, nel 1943, è stato destinato a Pola dove è arrivato il 25 agosto. E l’8 settembre, dopo soli 15 giorni di vita militare, è stato dichiarato l’armistizio, la caserma occupata dai tedeschi, gli italiani disarmati e fatti prigionieri. L’11 settembre sono stati imbarcati su una nave e portati a Venezia; da Venezia su un treno e sui carri bestiame sono stati portati a Udine. Ala stazione c’erano un gruppo di crocerossine che distribuivano blocchetti di carta dove i prigionieri potevano scrivere i propri dati e il recapito delle famiglie a cui la Croce rossa li avrebbe recapitati. E poi i cittadini di Udine hanno portato cibo che i prigionieri sono riusciti a raccogliere e stivare nei vagoni. All’imbrunire il treno è partito e la mattina dopo è arrivato in Austria
visualizzato 1285

COMMENTO

0 inseriti