Racconti

3.7 min
Guido Bodrato unisce, attraverso un episodio avvenuto in modo inusuale nella Piazza Rossa di Mosca, il ricordo di Giorgio La Pira e di Piero Ostellino. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
caricato 42 giorni fa
visualizzato 207 volte
24.3 min
Nell'autunno 1944, sui monti fra Gussago e la Valtrompia, era giunto un distaccamento della 122° Brigata Garibaldi. I partigiani credevano in una possibile insurrezione generale nelle città prima dell'arrivo dell'inverno. Negli stessi luoghi imperversava anche la banda Sorlini, fascista della prima ora particolarmente fanatico, sanguinario e protetto dall'allora questore di Brescia Candrilli e dagli occupanti nazisti. L'incontro fortuito fra i due gruppi a Sella dell'Oca generò 3 caduti nelle file partigiane: Sandro Moretti, caduto in battaglia, Mario Bernardelli di Chiari e Giuseppe Zatti di Iseo, fucilati il giorno dopo. Guerino Dalola è un profondo conoscitore della lotta di liberazione dal fascismo a Brescia e provincia e racconta i fatti da ricercatore e da testimone diretto del clima di quegli anni.
caricato 59 giorni fa
visualizzato 330 volte
8.9 min
LA COERENZA E’ NEL SANGUE Angelo Marello è nato a S. Stefano Belbo il 13 Aprile 1934 E’ l’unico figlio nato a S. Stefano B. da una famiglia autenticamente antifascista. Il fratello Stefano è nato a Vesime Bormida, perché in quei tempi era prassi locale fare nascere i figli nella casa paterna. In pieno regime fascista la sua famiglia è stata costretta ad emigrare a causa del beghinismo che con la calunnia infieriva su un nucleo famigliare, serenamente sposato, ma solo con il rito civile. Il rifiuto del padre a far partecipare i suoi figli al volere del regime (sabato fascista) e a non volere iscrivere il figlio Angelo ai piccoli balilla, provocò alla famiglia molti guai, e……..
caricato 477 giorni fa
visualizzato 1867 volte
8.5 min
LA COERENZA E’ NEL SANGUE Angelo Marello è nato a S. Stefano Belbo il 13 Aprile 1934 E’ l’unico figlio nato a S. Stefano B. da una famiglia autenticamente antifascista. Il fratello Stefano è nato a Vesime Bormida, perché in quei tempi era prassi locale fare nascere i figli nella casa paterna. In pieno regime fascista la sua famiglia è stata costretta ad emigrare a causa del beghinismo che con la calunnia infieriva su un nucleo famigliare, serenamente sposato, ma solo con il rito civile. Il rifiuto del padre a far partecipare i suoi figli al volere del regime (sabato fascista) e a non volere iscrivere il figlio Angelo ai piccoli balilla, provocò alla famiglia molti guai, e……..
caricato 479 giorni fa
visualizzato 915 volte
7.0 min
LA COERENZA E’ NEL SANGUE Angelo Marello è nato a S. Stefano Belbo il 13 Aprile 1934 E’ l’unico figlio nato a S. Stefano B. da una famiglia autenticamente antifascista. Il fratello Stefano è nato a Vesime Bormida, perché in quei tempi era prassi locale fare nascere i figli nella casa paterna. In pieno regime fascista la sua famiglia è stata costretta ad emigrare a causa del beghinismo che con la calunnia infieriva su un nucleo famigliare, serenamente sposato, ma solo con il rito civile. Il rifiuto del padre a far partecipare i suoi figli al volere del regime (sabato fascista) e a non volere iscrivere il figlio Angelo ai piccoli balilla, provocò alla famiglia molti guai, e……..
caricato 481 giorni fa
visualizzato 1004 volte
6.3 min
Il Partigiano "John" Angelo Carmine racconta un fatto avvenuto nel periodo della Resistenza
caricato 502 giorni fa
visualizzato 812 volte
4.8 min
Pietro Berutti Comandante Partigiano "Gino" racconta dell'azione del suo gruppo alla Torretta di San Donato
caricato 511 giorni fa
visualizzato 895 volte
8.0 min
Vittoria Rocca nasce il 19 luglio 1925 a Torino da Carlo Rocca di Incisa Belbo e Caterina Curzel. E’ la secondogenita di una famiglia numerosa e benestante che vive nel quartiere di San Salvario, in via Madama Cristina. Il padre è direttore di Banca e la madre, nata in Germania a Bonn, si è trasferita in giovane età prima in Trentino e poi a Torino. Vittoria frequenta il liceo classico Alfieri, e coltiva le sue passioni, la lettura e la montagna. In inverno scia e d’estate inizia a dedicarsi con buoni risultati all’alpinismo. Insieme allo zio materno, con cui poi condividerà l’esperienza della guerra di liberazione, si cimenta in gite che sconfinano sempre più in arrampicate e salite in alta quota e frequenta quegli ambienti dove l’antifascismo è presente anche se non ancora strutturato. Nel ’43 entra a far parte della Divisione Autonoma Sergio De Vitis che opera in Val Sangone; è responsabile dei collegamenti logistici e operativi tra la Brigata Sandro Magnone, all’interno della quale è inquadrata col grado di tenente, e il resto del Piemonte. Nel ’44, a Torino, viene individuata dalla Gestapo per la sua attività antifascista ma riesce a sottrarsi all’arr
caricato 729 giorni fa
visualizzato 3233 volte
4.4 min
Vittoria Rocca nasce il 19 luglio 1925 a Torino da Carlo Rocca di Incisa Belbo e Caterina Curzel. E’ la secondogenita di una famiglia numerosa e benestante che vive nel quartiere di San Salvario, in via Madama Cristina. Il padre è direttore di Banca e la madre, nata in Germania a Bonn, si è trasferita in giovane età prima in Trentino e poi a Torino. Vittoria frequenta il liceo classico Alfieri, e coltiva le sue passioni, la lettura e la montagna. In inverno scia e d’estate inizia a dedicarsi con buoni risultati all’alpinismo. Insieme allo zio materno, con cui poi condividerà l’esperienza della guerra di liberazione, si cimenta in gite che sconfinano sempre più in arrampicate e salite in alta quota e frequenta quegli ambienti dove l’antifascismo è presente anche se non ancora strutturato. Nel ’43 entra a far parte della Divisione Autonoma Sergio De Vitis che opera in Val Sangone; è responsabile dei collegamenti logistici e operativi tra la Brigata Sandro Magnone, all’interno della quale è inquadrata col grado di tenente, e il resto del Piemonte. Nel ’44, a Torino, viene individuata dalla Gestapo per la sua attività antifascista ma riesce a sottrarsi all’arr
caricato 730 giorni fa
visualizzato 2552 volte
8.1 min
Vittoria Rocca nasce il 19 luglio 1925 a Torino da Carlo Rocca di Incisa Belbo e Caterina Curzel. E’ la secondogenita di una famiglia numerosa e benestante che vive nel quartiere di San Salvario, in via Madama Cristina. Il padre è direttore di Banca e la madre, nata in Germania a Bonn, si è trasferita in giovane età prima in Trentino e poi a Torino. Vittoria frequenta il liceo classico Alfieri, e coltiva le sue passioni, la lettura e la montagna. In inverno scia e d’estate inizia a dedicarsi con buoni risultati all’alpinismo. Insieme allo zio materno, con cui poi condividerà l’esperienza della guerra di liberazione, si cimenta in gite che sconfinano sempre più in arrampicate e salite in alta quota e frequenta quegli ambienti dove l’antifascismo è presente anche se non ancora strutturato. Nel ’43 entra a far parte della Divisione Autonoma Sergio De Vitis che opera in Val Sangone; è responsabile dei collegamenti logistici e operativi tra la Brigata Sandro Magnone, all’interno della quale è inquadrata col grado di tenente, e il resto del Piemonte. Nel ’44, a Torino, viene individuata dalla Gestapo per la sua attività antifascista ma riesce a sottrarsi all’arr
caricato 738 giorni fa
visualizzato 2797 volte
1.9 min
Una cena in famiglia particolare, data la situazione. In una cascina si trovano tre fratelli: il primo fascista di un certo rilievo, il secondo partigiano in visita alla famiglia, poi la sorella molto religiosa. Conclude il gruppo un giovane che nella cascina ha trovato un nascondiglio. Intervista in piemontese sottotitolata in italiano. Intervista di Margherita Ronco. Tecnico di ripresa: Mario Collazuol. Montaggio di Roberto Destefanis
caricato 742 giorni fa
visualizzato 1692 volte
5.8 min
Partigiano Aldo Giacomini. Alle origini di una scelta. La giovinezza in una famiglia antifascista perseguitata dal regime. "Nato il 29 novembre 1925 a Campione del Garda, dove il padre socialista si era trasferito da Belprato con la famiglia per mettersi al riparo dalle ritorsioni dei fascisti sabbini, il diciottenne Aldo si ribellò ai nazifascisti disertando e, spinto da un giovanile desiderio di libertà, si nascose con due amici sui monti di Provaglio Valsabbia per tirar sassi e qualche fucilata, patendo fame e freddo, durante l’inverno del 1943. Ricevuto il consiglio di allontanarsi dalla zona dove si era fatto troppo notare, nella primavera del 1944 scese nelle vicinanze della città e, con falsi documenti di lavoratore dell’organizzazione tedesca Todt, entrò a far parte del Gruppo mobile della Brigata Fiamme Verdi “X Giornate” la cui attività consisteva principalmente in attentati, sabotaggi e quelle che lui chiama beffe ai nemici: recuperi di armi e munizioni, mezzi di trasporto, vestiario e viveri; una sorta di guerriglia che aveva lo scopo di sfiancare con azioni di disturbo i nazifascisti. Dopo la liberazione della città, il 9 maggio 1945 consegnò le armi. A d
caricato 876 giorni fa
visualizzato 2133 volte
19.0 min
Dalmata di Zara, Gino Bambara ha partecipato alla seconda guerra mondiale sui fronti greco e jugoslavo. Dopo l'armistizio, si è unito alla resistenza antinazista, combattendo con i partigiani jugoslavi. Prima parte: Dall'arruolamento nell'esercito fascista nel febbraio 1941 all'8 settembre 1943.
caricato 892 giorni fa
visualizzato 2848 volte
4.2 min
"Nato il 29 novembre 1925 a Campione del Garda, dove il padre socialista si era trasferito da Belprato con la famiglia per mettersi al riparo dalle ritorsioni dei fascisti sabbini, il diciottenne Aldo si ribellò ai nazifascisti disertando e, spinto da un giovanile desiderio di libertà, si nascose con due amici sui monti di Provaglio Valsabbia per tirar sassi e qualche fucilata, patendo fame e freddo, durante l’inverno del 1943. Ricevuto il consiglio di allontanarsi dalla zona dove si era fatto troppo notare, nella primavera del 1944 scese nelle vicinanze della città e, con falsi documenti di lavoratore dell’organizzazione tedesca Todt, entrò a far parte del Gruppo mobile della Brigata Fiamme Verdi “X Giornate” la cui attività consisteva principalmente in attentati, sabotaggi e quelle che lui chiama beffe ai nemici: recuperi di armi e munizioni, mezzi di trasporto, vestiario e viveri; una sorta di guerriglia che aveva lo scopo di sfiancare con azioni di disturbo i nazifascisti. Dopo la liberazione della città, il 9 maggio 1945 consegnò le armi. A distanza di due anni e mezzo giunse il riconoscimento della qualifica di partigiano combattente relativamente al periodo 1 marzo 19
caricato 892 giorni fa
visualizzato 2340 volte
3.0 min
Un omaggio del partigiano Aldo Giacomini (n. 1925) al suo compagno di lotta Bruno Paiardi ("Faro", n. 1924). Per vedere e ascoltare le interviste realizzate con il partigiano "Faro", cerca su Memoro: Bruno Paiardi.
caricato 897 giorni fa
visualizzato 2369 volte