Le vacanze al mare

Loading video
Sebastiana Aru Atzori (classe 1927) racconta le vacanze al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani e la vita nei casotti di legno eliminati poi dal comune nei primi anni '80
visualizzato 14751

COMMENTO

1 inseriti
lalla
23/06/2010 - alle ore09:00
il racconto della signora Sebastiana mi ha fatto ricordare una bellissima estate (1961) passata a Cagliari dove mio padre si era trasferito per lavoro.
Ricordo la mia meraviglia quando per andare al Poetto si prendeva il tram che arrivava proprio sulla spiaggia.
Ricordo anch'io la sabbia finissima e bianca, il mare trasparente, la luce così abbagliante: tutto per me da buona "continentale" era una cosa nuovissima ed estremamente bella,
30 anni dopo, al ritorno da una vacanza a Portoscuso ho portato i miei figli adolescenti al Poetto:trovato una spiaggia completamente distrutta e modificata, una spiaggia quasi banale simile a quella di Rimini o Riccione ed è stato un grosso dolore. E' vero che bisogna adeguarsi ai tempi ma questo non giustifica distruggere una meraviglia come la spiaggia e il mare del Poetto. Grazie signora Sebastiana, per un attimo ho avuto di nuovo 14 anni con tutti i sogni che si hanno a quell'età.