14.5 min
La signora Giulia parla del suo matrimonio, del lavoro all'estero del marito, dei quattro figli e della casa costruita ad Erbusco.
caricato 44 giorni fa
visualizzato 169 volte
11.3 min
La signora Giulia Marchetti racconta gli anni di studio liceali e universitari presso la facoltà di biologia a Bologna.
caricato 44 giorni fa
visualizzato 147 volte
11.4 min
La signora Giulia Marchetti racconta gli anni della sua preadolescenza trascorsi a Padova e a Cortina, per via dei bombardamenti su Milano e per la malattia della mamma.
caricato 46 giorni fa
visualizzato 185 volte
8.2 min
La signora Giulia ricorda gli anni in cui frequentò la scuola elementare.
caricato 46 giorni fa
visualizzato 146 volte
7.1 min
La signora Giulia racconta con dovizia di particolari la sua infanzia divisa tra Milano, la Toscana e l'amata terra di Erbusco, dove ha sempre avuto "le sue radici".
caricato 46 giorni fa
visualizzato 337 volte
2.4 min
Mauro ci spiega l'origine del Negroni. Alla fine della Prima Guerra mondiale il conte Camillo Negroni chiede al suo barman di fiducia di aggiungere del Gin al classico cocktail Americano. Questa nuova modalità di bere l'Americano prese subito piede e si diffuse in tutto il mondo
caricato 91 giorni fa
visualizzato 1191 volte
2.0 min
Guido Bodrato rievoca le minacce dei terroristi e le motivazioni che, nonostante le disposizioni vigenti legate al ruolo pubblico che ricopriva, lo hanno portato a rifiutare l’assegnazione di una scorta. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
caricato 97 giorni fa
visualizzato 530 volte
1.6 min
Il problema del rapimento e dell’assassinio dell’on. Moro andava e va inserito nel contesto complessivo dell’azione dei terroristi in quel periodo. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
caricato 97 giorni fa
visualizzato 634 volte
3.7 min
Guido Bodrato unisce, attraverso un episodio avvenuto in modo inusuale nella Piazza Rossa di Mosca, il ricordo di Giorgio La Pira e di Piero Ostellino. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
caricato 97 giorni fa
visualizzato 314 volte
13.5 min
E' il 27 aprile 1945, la guerra è ufficialmente finita ma le violenze fasciste non si placano. A Saiano un reparto di SS italiane comandate dal nazista Thaller fucila appena prima di darsi alla fuga 10 patrioti che erano insorti dopo la liberazione della Cittàdi Brescia. Un eccidio evitabile e che ferì crudelmente tutta la comunità di Rodengo Saiano. La fuga della colonna di SS non durò a lungo: nei paraggi di Adro fù bloccata e il suo comandante venne fucilato e impiccato proprio nella piazza del paese di Saiano.
caricato 114 giorni fa
visualizzato 1093 volte
24.3 min
Nell'autunno 1944, sui monti fra Gussago e la Valtrompia, era giunto un distaccamento della 122° Brigata Garibaldi. I partigiani credevano in una possibile insurrezione generale nelle città prima dell'arrivo dell'inverno. Negli stessi luoghi imperversava anche la banda Sorlini, fascista della prima ora particolarmente fanatico, sanguinario e protetto dall'allora questore di Brescia Candrilli e dagli occupanti nazisti. L'incontro fortuito fra i due gruppi a Sella dell'Oca generò 3 caduti nelle file partigiane: Sandro Moretti, caduto in battaglia, Mario Bernardelli di Chiari e Giuseppe Zatti di Iseo, fucilati il giorno dopo. Guerino Dalola è un profondo conoscitore della lotta di liberazione dal fascismo a Brescia e provincia e racconta i fatti da ricercatore e da testimone diretto del clima di quegli anni.
caricato 114 giorni fa
visualizzato 441 volte
3.1 min
“Cercavo di metterli assieme, ma si dividevano come l'olio e l'aceto”. Intervista di Ferruccio Ferrua. Tecnico di ripresa: Silvia Tirtei. Montaggio di Alberto Zanchettin
caricato 121 giorni fa
visualizzato 448 volte
5.2 min
La passione per i motori, trasmessagli dai genitori, porta Armando a fondare a Chieri il “Motoclub Franchino”. Intervista di Ferruccio Ferrua. Tecnico di ripresa: Silvia Tirtei. Montaggio di Alberto Zanchettin
caricato 121 giorni fa
visualizzato 473 volte
3.2 min
L'azienda tessile si sviluppa e diversifica la sua produzione. Nel dopoguerra vi lavorano 150 operai. Intervista di Ferruccio Ferrua. Tecnico di ripresa: Silvia Tirtei. Montaggio di Alberto Zanchettin
caricato 134 giorni fa
visualizzato 343 volte
2.1 min
Il papà, un tecnico tessile “cuntrameter”, porta avanti con successo l'azienda. Intervista di Ferruccio Ferrua. Tecnico di ripresa: Silvia Tirtei. Montaggio di Alberto Zanchettin
caricato 139 giorni fa
visualizzato 442 volte