Antichi ricordi delle Madonie

Loading video
Una recente campagna del F.A.I. (Fondo Ambiente Italia) invitava ad indicare il luogo più caro, più significativo della nostra vita per poi evidenziare, in una cartina sentimentale dell’Italia, i luoghi dell’anima.
Per gli Ambrosiani il luogo dell’anima è "a guttena", parola di difficile trascrizione. L'iniziale suono gutturale si addolcisce nel passaggio da una provincia all'altra. Ci piace accostarlo ad un verbo greco che oltre a conoscere vuol dire anche prendere posto. Sedersi sulla guttena davanti casa dispone ad un momento di riflessione, a fare e raccogliere confidenze da chi ti siede accanto, a ricordare.
E così è stato in un dolce pomeriggio di fine estate per un gruppo di Ambrosiani seduti sulla guttena du Ze Franciscu Di Chiazza. I visi gioviali e aperti di altri Ambrosiani sulla guttena ci hanno riportati a periodi lontani, quando la colonia in contrada Saponara era l'unico divertimento concesso. La scuola e il luogo dove si svolgevano le lezioni sembrano una pietra miliare nel percorso a ritroso di quel pomeriggio assieme allo stupore per il primo telefono nella borgata. I racconti si succedono, a volte si accavallano trasportandoci in un mondo magico, fatto di miracolose doti guaritrici racchiuse nel piede di un innocente bambino, di uomini che sembrano uscire dalle pagine di un romanzo e di piccoli grandi- ricordi.
visualizzato 8011

COMMENTO

0 inseriti