Sociologia spicciola

Loading video
  • raccontato da Mario Vaio | 1932
  • caricato da Redazione | 03/01/2008
La vita di un bambino nato e cresciuto nella campagna astigiana degli anni '30, fra stenti e lavoro nei campi, giochi rudimentali e racconti degli anziani nelle serate invernali trascorse nella stalla. Gli anni delle scuole elementari e le riforme scolastiche fasciste, fra cui l'introduzione della sesta classe.
visualizzato 8269

COMMENTO

4 inseriti
vale
18/09/2009 - alle ore19:06
grazie, papà...so che per te non è stato facile parlare davanti a una telecamera...e che lo hai fatto per me...

sei stato il primo a regalarci i tuoi ricordi...diciamo che da te ha origine tutto questo!!!

grazie da parte di tutti noi, e in particolare da me...
F. Brunetti
24/02/2009 - alle ore20:31
E' veramente una bella ed interessante esposizione che mi riporta alla mente le storie raccontate da mia madre e quello che ho potuto vedere nella mia prima giovinezza.
Virghil
18/08/2008 - alle ore22:11
Un prezioso racconto , che somiglia molto ai racconti descritti da tutte le persone che hanno vissuto la loro infanzia durante gli anni del fascismo e della guerra .
Racconti del genere per fortuna esistono ancora , e che dovrebbero essere di monito all'attuale falso senso di benessere che ci circonda .


Luca Novarino
12/06/2008 - alle ore19:50
La nostra prima intervista...