Mr.

Mr.

Creato da Archivio degli Iblei il 15/07/2013
555

2.7 min
In anni in cui il lavoro casalingo aveva ancora un forte peso nel bilancio famigliare, Angela Failla ricorda e descrive nel dettaglio quando il sapone era fatto in casa a partire dagli scarti della produzione dell’olio d’oliva. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 10945 volte
2.0 min
La passione di Angela Failla per la macchina da cucire, la sartoria, il ricamo e il lavoro di magliaia. www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 12183 volte
0.5 min
Angela Failla ricorda quando, nonostante gli impegni domestici e il divieto paterno, trovava comunque il modo di comprare delle riviste e di leggerle. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 10466 volte
1.1 min
Il ricordo del matrimonio ad Ispica e dei tanti sacrifici per le ristrettezze economiche. La moglie in Germania lavorò sempre in casa come sarta. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11155 volte
2.5 min
Nella famiglia di Vally tutti i lavori domestici erano svolti dalla servitù: c’era chi aveva il compito di fare la spesa, chi di fare le pulizie, chi il bucato. Per una casalinga benestante, invece, l’attività principale era il ricamo. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11446 volte
2.1 min
Il padre di Vally Ferrante esercitava la professione di avvocato ma in realtà le risorse economiche provenivano dalle rendite delle proprietà agricole. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 12629 volte
2.4 min
Il trasferimento della madre di Vally da Cittadella, in provincia di Padova, a Chiaramonte fu traumatico, tanta era la differenza nelle condizioni materiali tra le due realtà. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 12218 volte
0.9 min
Le feste da ballo erano le principali occasioni di incontro per i giovani dei due sessi. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11061 volte
0.7 min
Durante il fidanzamento ufficiale era costume che i ragazzi si recassero in visita dalla famiglia della giovane. Mai venivano lasciati soli. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11173 volte
2.4 min
Lettere clandestine e cartoline con scritte in inchiostro simpatico erano fra i pochi strumenti a disposizione dei fidanzati per scambi di parole affettuose fuori dal controllo degli adulti. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11776 volte
0.6 min
Il controllo familiare su bambine e ragazze era costante. Non un passo fuori di casa senza l’accompagnamento di un adulto. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 10496 volte
2.1 min
L’educazione delle ragazze prevedeva la totale ignoranza di tutto ciò che, anche vagamente, potesse essere in una qualche relazione con la sessualità. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 11232 volte
12