Carmelo Adamo

 
Carmelo Adamo

nato nel 1941
Ispica

13 Racconti

1.4 min
Grazie al doppio lavoro (in miniera e in una fabbrica di bibite) Carmelo Adamo è riuscito a costruirsi più di una casa e a godersi un sereno pensionamento. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 2907 volte
3.5 min
Al centro del racconto di Carmelo Adamo tutti i mezzi di trasporto che ha avuto a disposizione: dalla bicicletta alla moto alle automobili. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3035 volte
1.1 min
Il ricordo del matrimonio ad Ispica e dei tanti sacrifici per le ristrettezze economiche. La moglie in Germania lavorò sempre in casa come sarta. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 2937 volte
1.3 min
Malgrado la fatica e la sofferenza fisica del lavoro in miniera, Carmelo Adamo rivendica la scelta di lavoro come ottimale ed esalta in dettaglio alcuni benefici, come per esempio un certo quantitativo di carbone (oggi tradotto in denaro) che gli spetta vita natural durante. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3517 volte
2.4 min
Nonostante la durezza del lavoro Carmelo Adamo valuta positivamente l’esperienza in miniera e racconta gli avanzamenti di carriera e i benefici conseguenti. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 2851 volte
1.3 min
Lo stipendio di chi lavorava in fabbrica era superiore rispetto a quello dei minatori ma gli operai non avevano nessuna di quelle facilitazioni di cui godevano i minatori, come l’alloggio prima di tutto. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 2921 volte
2.1 min
La paga mensile nei primi tempi di lavoro in miniera era appena sufficiente per le spese essenziali. Il ricordo va all’acquisto di un cappotto necessario per il rigore del clima, pagato con una somma equivalente a cinque mesi di lavoro. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3059 volte
1.9 min
Carmelo Adamo racconta un episodio fortunato in cui il caso lo salvò da una morte sicura: un crollo improvviso in miniera che seppellì vivi molti minatori. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3040 volte
4.6 min
La bassa statura (“la taglia bassa”) di Carmelo Adamo lo rendeva adatto, suo malgrado, a lavorare in lunghi cunicoli di 50 centimetri di altezza: pancia a terra per otto ore al giorno. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3010 volte
6.1 min
Umidità, sporcizia, buio, caldo e sete: erano queste le condizioni in cui si lavorava sottoterra. In miniera sembravano non esserci quelle differenze di classe che normalmente vigevano. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 3636 volte
12