Il campo profughi degli Italiani

Loading video
Quando nel 1945 Fiume venne occupata dalle truppe jugoslave, più di 40.000 persone laciarono la città per trasferirsi in Italia, stato che consideravano loro patria. Tutti questi profughi vennero accolti all'interno di alcuni campi di raccolta: fra di loro, c'era anche Mafalda.
visualizzato 9582

COMMENTO

1 inseriti
alberto
28/08/2008 - alle ore23:11
Sono brutti ricordi, è vero però, nel 1945, l'Italia era tutta da reinventare e pur nella sofferenza voi profughi siete stati fortunati. Ricordo le leggi per l'assunzione dei pprofughi istriani e la preferenza nell'assegnazione delle case. Fortunati, rispetto a chi? A quelli che non hanno voluto o potuto fuggire dall'Istria. Ho avuto la seconda moglie istriana di Parenzo. Quando ho conosciuto la famiglia, nel 1972, ero Paperone vicino a dei morti di fame, per di più, discriminati perché circondati dai Serbi che Tito aveva trasferito per compensare gli esodi. Per cui, cara Mafalda, conserva sempre un grato ricordo per tuo papa che ha fatto la sceta migliore.
Alberto, romano del 1934.