La giornata di Angelo

Loading video
  • raccontato da Angelo Cariati | 1933
  • caricato da Provincia di Roma - Per la memoria | 26/07/2011
Si giocava a pallone con una palla fatta di stracci. E si giocava a piedi scalzi perché le scarpe erano una cosa preziosa e non si dovevano consumare. Angelo andava a scuola dalle nove del mattino alle quattro del pomeriggio con una pausa per la mensa. Tornato a casa si giocava. La madre era casalinga, il padre lavorava in una ditta tedesca che produceva bilance, azienda che chiuse dopo l’armistizio. E il padre andò a lavorare alla Innocenti dove facevano la Lambretta.
visualizzato 5717

COMMENTO

0 inseriti