La spagnola

Loading video
Il dottor Nunzio Storaci, primario del reparto di infettivologia all’Ospedale civile di Ragusa, spiega le condizioni che favorirono il diffondersi dell’epidemia conosciuta come febbre spagnola, che decimò la popolazione non solo italiana durante la guerra del 1915-1918: la scarsità dell’alimentazione e la mancanza di igiene. Vincenzo Rabito, nella sua breve licenza fra l’agosto e il settembre del 1918, racconta come a Chiaramonte morissero di febbre spagnola anche 20 o 24 persone al giorno.
Vedi antologia: pp. 89-101.

Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 6473

COMMENTO

0 inseriti