Villani Anna

 
Villani Anna

nato nel 1926
Roma

3 Racconti

11.0 min
Anna del fascismo ricorda positivamente l’attività sportiva che era gratuita per tutti i ragazzi ma il grande guaio fu la guerra. E la mancanza di libertà di opinioni: il padre di Anna era antifascista e troppe botte ha preso anche se per fortuna non ha mai perso il lavoro. Scoppiata la guerra, anzi, in quanto ferroviere, aveva qualche privilegio: non era partito militare e aveva qualche razione di cibo in più. Anna ricorda bene il bombardamento di San Lorenzo: tornava dal lavoro, l’ufficio si trovava a piazza Quadrata, non c’erano autobus e dovette attraversare proprio San Lorenzo dove erano tutte macerie e un odore che lei definisce di morte che le è sembrato di risentire per molto tempo. Ricorda bene la battaglia di Porta San Paolo il 9 settembre: praticamente il quartiere fu attraversato dai tedeschi che iniziavano da lì l’occupazione di Roma. E infine ricorda tutti i bombardamenti e i mitragliamenti alla stazione Ostiense dove abitavano. Tanto che alla fine andarono a casa di parenti. La famiglia di Anna può vantarsi di essere fra le tante famiglie romane che hanno nascosto cittadini ebrei salvandoli dai rastrellamenti: loro nascosero Giuseppe Sonnino e il figlio, che av...
visualizzato 9592 volte
5.3 min
Anna è andata a scuola dalle suore salesiane a Testaccio dove rimaneva anche il pomeriggio perché la madre lavorava. I giochi erano tutti all’oratorio delle suore. Anna ha sempre vissuto con i nonni vicini di cui ha un bel ricordo. Anna ha finito le medie, poi ha preso il diploma di ragioneria e poi ha lavorato alle scuole riunite per corrispondenza, una istituzione che consentiva di studiare anche in tempo di guerra.
visualizzato 9543 volte
7.0 min
Anna ha conosciuto suo marito fin dall’asilo. Vivevano nelle stesse palazzine per i dipendenti del Gas, hanno fatto le scuole insieme, insieme la bicicletta, insieme le passeggiate. E sono stati sposati 58 anni. Appena sposati sono andati a vivere a casa della mamma di Anna, poi, quando i genitori di lei hanno comprato una piccola casa a Ladispoli, sono rimasti soli. Soli si fa per dire perché negli immediati paraggi abitavano le zie e il fratello di Anna. Hanno avuto tre figlie e tre nipotine quando Anna aveva solo 51 anni, motivo per cui si è offerta di seguirle. Poi, quando sono state un po’più grandi, i due eternamente innamorati, si sono ritirati a Ladispoli e allora è cominciato il periodo più bello della vita: con lui ormai in pensione, hanno potuto viaggiare in Italia e si sono avventurati anche un po’ all’esterno. E’ stata una vita modesta, lui faceva l’operaio al Gas, ma serena: sempre macchine di seconda mano, una lavatrice che è durata decenni…
visualizzato 8448 volte