Ugolina Gobbi

 
Ugolina Gobbi

nato nel 1924
Fiumicino

5 Racconti

3.1 min
Ugolina la lavatrice l’ha comprata subito; fino a quel momento i panni si andavano a lavare e stendere alle fontane, all’ultimo piano del palazzo e ogni condomino aveva il suo turno; le fontane erano coperte ma non chiuse e l’acqua era fredda. Il bucato si metteva a bagno in casa. Con l’arrivo dell’automobile, una Renault di seconda mano, sono cominciati i viaggi in giro per l’Europa.
visualizzato 5037 volte
4.8 min
Ugolina si è sposata perché al marito, che era in ferrovia, avrebbero dato un mese di ferie e questo gli avrebbe permesso di evitare di andare in guerra. Lo aveva conosciuto quando lei andava dalle suore: si era accorta che c’era un ragazzo che la guardava poi un giorno lui le ha chiesto se poteva accompagnarla. Poi ha cominciato a venirla a prendere al lavoro in sartoria, facevano il giro della chiesa dei Fiorentini a via Giulia e la lasciava al portone. Il padre se è accorto e fu l’occasione per andare a parlare in famiglia. Il fratello, più grande di due anni, era contrario perché geloso della sorella. Sono stati fidanzati per quattro anni.
visualizzato 5442 volte
4.3 min
Della scuola Ugolina ricorda la posizione sempre composta in cui dovevano stare, seduti dritti a braccia conserte. Ugolina, finita la quinta elementare, avrebbe voluto continuare ma la madre l’ha mandata a Corso d’Italia a fare apprendistato in una sartoria. Ed è stato un bene perché Ugolina era portata per il taglio e cucito. E così Ugolina si è comprata la macchina da cucire, una Singer, e ha cominciato a lavorare in casa. Ha avuto belle soddisfazioni,clienti anche dalla Sicilia che venivano a farsi cucire l’abito da sposa.
visualizzato 5240 volte
4.2 min
Del fascismo Ugolina ricorda la sicurezza: nessuno che si permettesse di importunare le ragazze, anche se era sera tardi. Della guerra ricorda i bombardamenti, le sirene e le fughe negli scantinati delle case. Il marito di Ugolina ha rischiato di morire durante il bombardamento di San Lorenzo. Il padre di Ugolina lavorava al Ministero di Grazia e Giustizia a via Giulia e Ugolina ha abitato da quelle parti. Qualche tempo dopo l’arrivo degli americani, a Ugolina è capitato di andare un po’ fuori Roma dove hanno trovato tante scatolette sul prato ancora chiuse: non erano i resti di una scampagnata, era quello che avevano lasciato gli americani e la carne in scatola era molto buona.
visualizzato 5358 volte
4.0 min
Giocavano alle belle statuine, aveva la bambola che è stata l’occasione per diventare sarta perché le piaceva farle i vestiti. Natale era una giornata bella: si giocava a tombola. In estate la mamma li portava dai nonni in Umbria: le serate si passavano raccontandosi a volte storie di fantasmi e ai bambini veniva paura. Andava anche al mare a Ostia con la madrina di battesimo. Almarito piaceva ballare ma Ugolina non era per niente brava.
visualizzato 5387 volte