Biagio Nunziata

 
Biagio Nunziata

nato nel 1951
Pomezia

6 Racconti

2.5 min
Il gioco più diffuso era naturalmente il pallone. Per strada. La televisione ce l’avevano in pochi e si andava dai vicini. Si aspettava Carosello. D’inverno si giocava a carte o a tombola, si restava dentgro casa. Anche le feste si facevano dentro casa, ognuno portava i dischi e si ballava. Il passaggio dalla lira all’euro per chi è grande è stato traumatico.
visualizzato 6895 volte
5.1 min
Biagio, nonostante all’epoca avesse 17 anni, non è stato nemmeno sfiorato dal grande sommovimento del 68. Vedeva che intorno avvenivano grandi cambiamenti ma, forse per carattere, forse perché stava in un paese piccolo, forse perché già lavorava e aveva ben altri problemi. Pensa che il 68 ha coinvolto maggiormente gli studenti universitari. L’unico effetto visibile e piacevole fu la minigonna. Le ragazze in paese poi dovevano stare attente perché era facile esagerare e rovinarsi la reputazione.
visualizzato 7437 volte
5.3 min
Biagio ha conosciuto la moglie quando erano ancora ragazzi, quando lui è andato nel paese vicino dove lei abitava. Lei aveva sedici anni, lui ne aveva già ventiquattro. All’epoca fidanzarsi non era semplice: bisognava parlare col padre, e anche quando eri stato accettato, mai una volta che si potesse uscire insieme da soli. La prima volta da soli è stata la mattina dopo il matrimonio. Erano fidanzati in casa da quattro anni. All’epoca per le visite alla fidanzata c’erano addirittura i giorni stabiliti: giovedì e domenica, da passare la sera con la famiglia di lei. Per Biagio, che già lavorava a Roma in polizia, fu fatta una eccezione e andava a trovarla quando poteva andare in licenza dal servizio.
visualizzato 8401 volte
3.7 min
In paese non solo non c’era molto lavoro ma c’era anche il rischio di prendere brutte strade. Così Biagio ha deciso di entrare in Polizia. Ci è entrato dopo il servizio militare che aveva fatto a Modena. Il servizio militare, dice Biagio, gli è servito, ha imparato a diventare più forte. E’ rimasto in polizia 24 anni. La sua prima e unica destinazione è stata Roma poi sono venuti a Pomezia per comprare casa, cosa che a Roma non sarebbero riusciti a fare per i prezzi troppo alti.
visualizzato 7621 volte
5.0 min
Biagio ha sempre lavorato. Anche quando andava a scuola, il pomeriggio andava ad aiutare lo zio che faceva il ciabattino. Andato via da scuola, è andato per un paio d’anni a lavorare a Napoli in una pizzicheria. Restava a Napoli tutta la settimana, dormiva in una camera in affitto sopra il locale dove lavorava. Una volta ha perso il treno e non è riuscito a tornare a casa e fu in quella circostanza che la madre decise che non doveva più andare a Napoli e Biagio è andato a lavorare in paese in una fabbrica di mattonelle.
visualizzato 7550 volte
2.5 min
Della scuola elementare Biagio ricorda i sistemi per imparare le tabellone a memoria, metodi tanto buoni, comprese le tabelline dietro i quaderni, che ancora le ricorda senza bisogno di calcolatrice. A Biagio non piaceva troppo andare a scuola, tanto che si sentiva male, tanto da dover essere mandato a casa. Ha fatto le medie e poi si è fermato.
visualizzato 7804 volte