La barca, le mine, la spiaggia

Loading video
La famiglia di Enzo aveva delle barche che affittavano durante l’estate e che erano andate distrutte. Andando in giro per la campagna in cerca di qualcosa di utile, Enzo un giorno ha trovato una barca che un ufficiale inglese si teneva stretta. Non era vero, ma l’ha rivendicata come sua perché era vagamente simile, ha tirato fuori una vecchia foto e quella è stata la prima barca con cui avrebbe ricominciato la sua attività quando la spiaggia sarebbe stata liberata dalle mine. Gli abitanti di Anzio sarebbero diventati esperti sminatori e le mine darebbero state usate come bombe per la pesca in mare. E anche qui non sarebbero mancati tragici incidenti: uno dei pescatori aveva lasciato un ordigno ancora innescato sotto un mucchio di carbone; la figlia di sedici anni prendendo il carbone, lo ha urtato con la pala ed è saltata per aria. Era una bella ragazza, aveva molti corteggiatori. L’ultima cosa che Enzo ha visto di lei è stato il suo piede distante dal mucchio di carbone.
visualizzato 11759

COMMENTO

0 inseriti