Nicola Romano

 
Nicola Romano

nato nel 1929
Tivoli

3 Racconti

11.0 min
Nicola alla scuola elementare girava per il paese con la tromba per radunare le persone per le adunate dove gli adulti facevano il percorso di guerra come addestramento. Dalle elementari è passato a Capua alla scuola di avviamento professionale. Nel settembre del 1943 cominciò il vero dramma: Napoli si era ribellata e i tedeschi fuggendo si erano attestati sul Volturno, vicino Capua. Prima di attraversare il Volturno avevano evacuato il paese di Nicola alle due di notte e distrutto le case per rallentare l’avanzata degli americani. Tutti si rifugiarono sulla montagna a dormire dentro una stalla mentre gli americani si fermavano perché i ponti erano tutti saltati. Nei dodici giorni che sono rimasti in montagna Nicola che era il ragazzo più grande, portava da mangiare ai padri nascosti su un’altra montagna per evitare di essere portati via dai tedeschi.
visualizzato 5801 volte
4.6 min
All’arrivo degli americani tutti tornarono al paese. La casa era distrutta e gli erano rimasti solo i vestiti che indossavano. Un sodato americano in cambio di un elmetto pieno di fichi gli regalò una scatola di biscotti. Fu bellissimo, si mangiava da anni solo pane nero. Gli americani montarono un forno in paese e Nicola che si dava molto da fare, cominciò a lavorare al forno e finì per seguirli fino a Venafro, prima della battaglia di Cassino. Ma da Cassino tornò a casa. Di quel periodo ricorda un bombardamento fatto per errore su Venafro, un fuoco amico che aveva causato molti morti.
visualizzato 6005 volte
10.9 min
Nicola ne 1948 si è arruolato, aveva 19 anni e la licenza dell’avviamento professionale che gli dava qualche vantaggio. Dopo un mese venne mandato alla scuola per radiotelegrafisti dove prese il brevetto internazionale. Dopodiché venne trasferito a Roma al Ministero della Difesa. Nel 1949 accettò l’incarico di due anni in Somalia che era protettorato italiano sotto l’egida dell’ONU. Al ritorno in Italia fu mandato a Bari e in quel periodo, era il 1954, ricevette un incarico molto importante: allestire la sala operativa a Trieste per il passaggio definitivo della città all’Italia. E’ venuto a Tivoli nel 1963, già sposato.
visualizzato 6429 volte