Umberto Filippini

 
Umberto Filippini

nato nel 1922
Arcene

9 Racconti

7.6 min
Erano rimasti in 9 al campo, ed erano quelli che abitavano sopra Fano, perchè c'era ancora la guerra. Il 20 Aprile è riuscito a partire ed è arrivato il 23. Non ha avuto il coraggio di arrivare a casa, si è fermato dalla cugina, aveva paura che non fosse rimasto più nulla. Sono dovute arrivare a prenderlo le sorelle.
visualizzato 7199 volte
2.8 min
A Salonicco fu interrogato da un colonnello inglese che gli chiese: "Dove ti trovavi l'8 di settembre 1943?" - "A Cefalonia" - rispose. Si è alzato in piedi e andadogli vicino gli ha chiesto: "Dimmi un po' ragazzo, come hai fatto a salvarti la pelle?" Poi, mettendogli una mano sulla spalla: "Adesso vai a casa, ragazzo!" Dal Pireo il 19 marzo è stato imbarcato verso l'Italia ed è arrivato il 21 a Taranto"
visualizzato 7992 volte
3.2 min
I Bulgari hanno salvato molti italiani perchè la loro principessa era italiana. Li caricavano in macchina portandoli al di là dei posti di blocco russi, in Bulgaria. Una volta arrivati gli dicevano di andare a Sofia dalla Giovanna che li avrebbero riimpatriati. Li c'era una commissione di ufficiali italiani, bulgari e inglesi che ogni giorno faceva partire per Salonicco circa 200 soldati.
visualizzato 7290 volte
2.8 min
I russi hanno portato i prigionieri italiani in Romania. 7 giorni e 7 notti sotto l'acqua. Sono partiti in 250, ma più della metà sono rimasti sulla strada. Arrivati a destinazione li hanno messi in un lagher. Alle 4 di mattina venivano portati al porto per scaricare e tornavano alle 11 di sera. Mangiavano solo frumento. A fine novembre sono stati consegnati ai bulgari.
visualizzato 7018 volte
4.0 min
S'era fatto amico un sergente tedesco che lo aiutò a scappare. Si unì alla Brigata di Tito per un mese. Poi è stato consegnato ai Russi che hanno messo gli italiani in un campo di concentramento aperto. I Russi erano sempre ubriachi.
visualizzato 8019 volte
2.3 min
I tedeschi in Ungheria e in ex Jugoslavia bruciavano i paesi che incrociavano e uccidevano tutti coloro che incontravano. E' stato impressionante vedere i tedeschi portare via gli ebrei in un paese dell'Ungheria.
visualizzato 8536 volte
3.1 min
Fuggito da una scarpata ha trovato 7/8 suoi compagni e tra questi c'era un caporalmaggiore che parlava tedesco e aveva nel portafoglio due fotografie di ufficiali delle SS. Questo gli ha salvato la vita una prima volta, Consegnatosi alla caserma della città, lo hanno preso per essere fucilato insieme ad altri 50 italiani. Per fortuna in quel momento è arrivato un ufficiale tedesco che ha sospeso le esecuzioni. Sono stati costretti ad entrare a far parte della divisione tedesca e loro hanno accettato, ma da disarmati. Fino alla primavera del 44 sono stati sulle montagne della ex Jugoslavia e poi in Ungheria sui Carpazi.
visualizzato 8829 volte
1.4 min
In un regimento, formato da tre battaglioni, solo una decina di persone si sono salvate. Quando i solvati italiani si arrendevano, finite le munizioni, erano immediatamente fucilati dai tedeschi.
visualizzato 7992 volte
5.6 min
317 Fanteria Montagna, Divisione Acqui. Da Merano all'isola di Zante dove ha dormito nella casa di Ugo Foscolo, ed è rimasto a nord sul mare per un anno. Il 10 Maggio 1943 è stato trasferito a Cefalonia. Ad Agosto sono arrivati i tedeschi sull'isola. Dopo l'8 settembre 1943 sono iniziate le inutili trattative, che hanno dato il tempo ai tedeschi di organizzarsi, e il giorno 15 dopo le 12 è iniziata la carneficina. Sono stati 7 giorni d'inferno. Alle 5,30 del mattino un aereo di ricognizione segnalava le loro posizioni. l'isola aveva poca vegetazione ed era difficile ripararsi. Alle 6 iniziavano i bombardamenti degli stuka tedeschi, ininterrottamente fino alle 19. Così tutti i giorni fino al 22 settembre. Quando finivano le munizioni e i soldati italiani si arrendevano, erano immediatamente fucilati.
visualizzato 11397 volte