Giuseppe Clemente

 
Giuseppe Clemente

nato nel 1924
Torino

13 Racconti

1.7 min
Giuseppe con un certo orgoglio ammette di essere stato un ragazzo più fortunato degli altri suoi coetanei: infatti, fra lo stipendio che guadagnava, le mancie e la paghetta del papà la domenica arrivava con ben 5 lire in tasca. e allora sì, che si poteva divertire!!!
visualizzato 6002 volte
2.3 min
Giuseppe Clemente ci racconta la sua fuga dal campo di concentramento di Bolzano. Le notti passate in una cantina e il viaggio da Bolzano a Torino nascosto dentro ad un camion.
visualizzato 5985 volte
3.5 min
Giuseppe ricorda alcune delle sale da ballo che frequentava regolarmente quando era giovane, fra cui il Lutrario e da Gaudio, e racconta lo spettacolo che spesso offrivano alcuni suoi amici, grandi ballerini di charleston....
visualizzato 7277 volte
4.3 min
Giuseppe, nel '45, grazie alle sue conoscenze nei sindacati, riuscì a farsi assumere in Michelin, un impiego molto ambito a quei tempi, che garantiva salari molto alti. inoltre, ancora oggi, nonostante venne licenziato per rappresaglia politica, percepisce un rimborso come licenziato per questioni politiche.
visualizzato 5722 volte
1.7 min
Il cuore del borgo Vittoria era rappresentato da un'unica strada lunga meno di un km: a dividersi questo piccolo territorio erano ben tre diverse bande di ragazzi, che fra scaramuccie e feste animavano la vita del quartiere..
visualizzato 5811 volte
5.1 min
Giuseppe ricorda quando, da partigiano, venne mandato insieme ad altri compagni in città per requisire mezzi di trasporto e di come, anche quella volta, la fortuna sia stata loro amica, permettendo loro di imbattersi per pura casualità in un grosso camion...
visualizzato 5639 volte
2.8 min
Grazie ai lavori dei genitori, il padre alle ferriere, la matrigna presso la Manzoni, Giuseppe ha potuto godere di un'infanzia particolarmente agiata: il maggior lusso era la gita domanicale con gli amici più grandi, che altro non era che un pomeriggio trascorso in collina mangiando salame e bevendo la gazzosa!
visualizzato 6166 volte
2.8 min
Giuseppe ricorda delle difficoltà  incontrate quando, terminata la guerra, lui e i suoi amici decisero di affiggere nel loro quartiere una lapide che ricordasse i sei compagni morti nella lotta partigiana. ma non bastò il rifiuto del prefetto a fermarli....
visualizzato 6090 volte
2.1 min
Giuseppe, fatto prigioniero dai tedeschi poichè partigiano, viene caricato su un treno merci francesi per essere deportato in Germania. la fortuna volle che sul suo vagone ci fosse un finestrino, attraverso il quale il nostro protagonista riuscì a fuggire e a ritornare a Torino...
visualizzato 6658 volte
1.3 min
Quando Giuseppe venne catturato in montagna e portato nel carcere di Via Asti a Torino, noto per essere uno dei più violenti, ebbe la fortuna di ritrovarsi in cella con due personaggi allora molto noti e prestigiosi: il conte di robilant e Aurelio Peccei, dirigente Fiat. questo gli permise di ricevere un trattamento decisamente meno severo!
visualizzato 6780 volte
12