Giuseppe Gurrieri

 
Giuseppe Gurrieri

nato nel 1955
Ragusa

8 Racconti

2.2 min
Nel commentare Terra Matta, Giuseppe Gurrieri sottolinea il realismo nella descrizione di condizioni di vita e la grande profondità nei giudizi morali da parte dei cosiddetti “ultimi”. La bellezza di Terra Matta consiste, a suo dire, nel trasmettere la capacità di una generazione di costruirsi una vita e la furbizia del povero per compensare la mancanza di altre risorse. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 7704 volte
3.7 min
L’appartenenza al partito comunista che, sembra implichi una scelta di ateismo, ebbe per conseguenza l’esclusione dalla chiesa e quindi dalla comunità. La reazione, se pure con ambiguità e contraddizioni, è la ribellione. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 7128 volte
3.6 min
L’attività politica di Angelo Gurrieri: dopo aver evitato la partenza per la leva militare per sopraggiunti limiti di età, nel dopoguerra ci fu l’iniziazione alla politica. Fu un’attività a tempo pieno nella Federbraccianti prima, nelle fila del Pci poi, quindi nel sindacato pensionati. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 7209 volte
2.9 min
Troppo povero da bambino per frequentare regolarmente la scuola, il padre Angelo ottenne la licenza elementare serale solo da adulto alla fine degli anni Sessanta. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 7772 volte
1.6 min
All’epoca del Ventennio il nonno Giuseppe fu protagonista insieme ad altri di un episodio di ribellione contro il pagamento del dazio dovuto sui beni in ingresso in città, che gravava soprattutto sui contadini che si vedevano confiscati i frutti del proprio lavoro. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 6857 volte
3.7 min
Pippo Guerrieri racconta le astuzie del nonno Giuseppe per non partire per il fronte prima della decisione di consegnarsi dopo sette mesi di latitanza. Le inevitabili conseguenze furono l’arresto e la dura esperienza del carcere dell’Asinara, che ne compromisero la salute a causa dei maltrattamenti e delle cattive condizioni igieniche. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 8321 volte
1.6 min
Nel secondo dopoguerra ebbe fine la “fiera di Ferragosto”, ovvero l’occasione in cui si svolgevano le contrattazioni per l’”adduvamento” dei bambini: il racconto avviene attraverso la testimonianza di Angelo Gurrieri, allora bracciante aderente alla Camera del Lavoro. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 7773 volte
7.8 min
Il racconto della storia del padre Angelo affittato come pastorello all’età di 6 anni, una consuetudine per le famiglie povere che non potevano mantenere i bambini. Quando un bambino veniva “adduvato”, la responsabilità passava dai genitori al massaro che lo prendeva alle sue dipendenze. Il tema dei bambini “adduvati” e della durissima vita quotidiana a cui vengono sottoposti è anche trattato in Angelo Gurrieri, Nulla di personale. Autobiografia di un comunista, a cura di Pippo Gurrieri, Ragusa, Sicilia Punto L, 2002. Vai a www.archiviodegliiblei.it
visualizzato 8997 volte